Io Leonardo di Giancarlo Guidotti

Leonardo da Vinci è sicuramente una delle figure più rappresentative del Rinascimento, di cui inarca l’aspirazione di conoscenza del reale per mezzo della ragione e dell’esperienza. Allo stesso tempo, la sua carriera compendia l’ideale di uomo universale, proiettato contemporaneamente verso l’indagine della natura, la sapienza pratica, la ricerca della bellezza e la rappresentazione della realtà per mezzo delle arti figurative.
L’investigazione di Leonardo si ramifica in ogni direzione: Egli passa da un argomento all’altro attraverso miriadi di casi e proposizioni, in cui, apparentemente il suo pensiero sembra avvolgersi in meandri tortuosi, continuamente interrompendo e riprendendo un argomento dopo l’altro. Attraverso la lettura attenta dei suoi scritti, si scopre che egli persegue infaticabilmente gli innumerevoli aspetti di un’unica potenza nel suo attuarsi e differenziarsi. Egli cerca di scoprire i segreti più reconditi della natura che tanto lo affascinano, afferrandone le leggi universali. Attraverso la penetrante acutissima osservazione di un fenomeno particolare, risale ai primi principi; e di nuovo da questi scopre le infinite varietà con cui essi si manifestano in natura, inducendovi continue trasformazioni. Non c’è antagonismo nella mente di Leonardo fra arte e scienza, in quanto esse scaturiscono l’una dall’altra e si accrescono l’una dall’esperienza dell’altra.

disponibile su

Leave a reply